Come organizzare un matrimonio con qualunque somma

Il matrimonio è sempre un’ occasione emozionante, da vivere in 2 ma gli aspetti da curare sono veramente tanti. In questa guida voglio insegnarti come organizzare un matrimonio da favola, qualunque sia il tuo budget. Nelle righe che seguiranno, ti spiegherò tutti i lati da curare affinché il giorno delle tue nozze rimarrà un ricordo indelebile nella vostra mente. Ho deciso di dividere questo articolo in vari paragrafi: la, location, il vestito, il fotografo, la musica, i fiori.

Come organizzare un matrimonio

Come organizzare un matrimonio , la location

Per organizzare il tuo matrimonio ti consiglio di iniziare i preparativi molto prima della fatidica data, questo perché non è semplice curare tutti i minimi aspetti di uno dei giorni più emozionante della tua vita. In primis devi prenotare la chiesa. Solitamente, la chiesa prefissata per organizzare il proprio matrimonio ha un valore affettivo, magari è la chiesa dove avete conseguito tutti i sacramenti. Ricordati una cosa importante: i sacramenti non si pagano, nessun contributo obbligatorio è necessario per potersi sposare. Il contributo deve essere volontario e la somma non deve essere assolutamente imposta. Dopo questa premessa, puoi prenotare la chiesa per il tuo magico giorno.

Oltre alla chiesa, dovrai metterti alla ricerca del ristorante giusto. Non entro nel merito dei tuoi gusti personali, quindi scegli pure il ristorante che più ti aggrada. Puoi scegliere tra varie tipologie: una villa, un ristorante. Francamente eviterei gli agriturismi ma, come ti ho già detto: gusti personali. Per quanto riguarda il menù, l’ ideale sarebbero 1 antipasto, 2 primi, 2 secondi e la torta, mentre da bere se hai scelto 1 primo di carne ed uno di pesce, scegli sia un buon vino bianco che un vino rosso. L’ antipasto puoi farlo servire anche in giardino, mentre gli ospiti aspettano voi sposi al rientro dalle foto di rito. Per quanto riguarda il prezzo, difficilmente riuscirai a spuntare un prezzo migliore di 100 € a persona. Per quanto riguarda la disposizione dei tavoli, di solito è questa: il tavolo degli sposi che si distingue da tutti gli altri per la posizione, il tavolo dei genitori, il tavolo dei parenti, il tavolo degli amici ed infine il tavolo dei conoscenti.

Come organizzare un matrimonio , la musica

Per quanto riguarda la musica, dovrai pensare sia a quella in chiesa che quella al ristorante. Per quanto riguarda la chiesa, puoi scegliere come musica che ti accompagnerà all’ altare l’ Ave Maria di Shubert.

Ave Maria, Vergin del ciel,

Sovrana di Grazia e Madre Pia
deh, accogli ognor la fervente preghiera,
non negar a questo straziato mio cuor
tregua al suo dolor.

Sperduta l’alma mia ricorre a Te
e pien di speme si prostra ai Tuoi piè
ti invoca e attende che Tu le dia
la pace che solo Tu puoi donar.
Ave Maria.

Questa è la sinfonia che potresti scegliere per accompagnarti all’ altare.

Per quanto riguarda il ristorante, scegli un gruppo che possa intrattenere gli invitati senza che il tutto si trasformi in una balera. Per quanto riguarda la musica potresti spendere anche 500 €.

Come organizzare un matrimonio , il vestito

Per quanto riguarda il vestito lo puoi scegliere di qualsiasi prezzo. Puoi spendere 500 € come 10000 €, non ha importanza, l’ importanza è che non sia estremamente scollato e che non sia di cattivo gusto. Io eviterei le piume.

Come organizzare un matrimonio , i fiori

Per quanto riguarda gli addobbi floreali in chiesa, scegli una buona ditta che possa consigliarti al meglio. Dipende anche da quale colore hai scelto per il tuo matrimonio.

Come organizzare un matrimonio , il fotografo

Il fotografo deve immortalare i momenti migliori del vostro giorno. Le foto dovranno avere come location la chiesa, un luogo a vostra scelta ( preferibilmente vicino al ristorante in modo da non fare aspettare troppo gli invitati ) ed il ristorante.

Generalmente, l’ organizzazione di un matrimonio costa dai 10000 € in su. Le bomboniere ovviamente sono a vostra discrezione ma esistono quelle solidali il cui ricavato va a chi ne ha più bisogno.

Emilio Brocanelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *