come sostituire la carne nella dieta

Come sostituire la carne nella dieta, vediamo la soluzione

Non sempre è facile iniziare un passaggio ad una dieta vegetariana. Perche e come sostituire la carne nella dieta, considerato che l‘uomo per sua natura nasce onnivoro?

L‘impatto ambientale, che gli allevamenti hanno in questo senso è piuttosto alto, per questo motivo molte persone  cercano come sostituire la carne con alimenti più sani per il corpo e per il pianeta.  Limitare il consumo di carne a un paio di volte alla settimana è possibile.  Quando diventiamo consapevoli di cosa è in gioco, diventa chiaro che non è necessario mangiare carne animale tutti  i giorni per essere in salute. Al contrario, l’effetto positivo sulla longevità, l’osteoporosi, le malattie infiammatorie, il cuore sono confermati dalla scienza.

Perchè sostituire la carne nella dieta

Perhè dovremmo mangiare la carne? La carne consente lo sviluppo dei muscoli e, naturalmente,  è la ” fonte naturale di proteine ​​di alta qualità “. Ma ci sono fonti vegetali che forniscono tanta proteina quanto la carne.

Per proteine ​​complete, si intendono quelle  che contengono gli 8 aminoacidi essenziali. Questo è il caso dei prodotti zootecnici: carne, latticini, uova o pesce.  Ma non occorre superare un corso di vegetarismo, per essere indotti a ridurre il consumo di carne.

Inoltre per non andare incontro a “carenze alimentari“possiamo fare delle ottime combinazioni di alimenti che aiutano a ridurre l’assunzione della carne.

Per quanto non sia essenziale, la combinazione di cereali e legumi, consente di beneficiare di tutti gli aminoacidi in un singolo pasto e il fabbisogno proteico. Inoltre a differenza della carne, cereali e legumi hanno fibre, minerali e molte vitamine che spesso mancano nella nostra dieta.

Come sostituire la carne nella dieta

Riso e fagioli

Il riso è un cereale ricco di sostanze nutritive. I fagioli rossi sono dei legumi con un basso indice glicemico, ovvero non fanno salire il livello di zucchero nel sangue. In aggiunta a questo promuovono la digestione e hanno proprietà antiossidanti. Poichè si digeriscono lentamente, aiutano a dare quel senso di sazietà ed evitano i piccoli spuntini dopo i pasti. I fagioli rossi contengono vitamina B9,  coinvolta nel rinnovamento cellulare.

Piselli spezzati e pasta

Come i fagioli, i piselli spezzati aiutano a bilanciare i livelli di zucchero nel sangue. Oltre ad avere un  buon  contenuto proteico, sono un’ottima fonte di ferro, manganese, rame, vitamina B1 e B9. Se poi scegliamo pasta integrale, godremo dei benefici della crusca e del germe dei semi di cereali.

Mais e fagioli

Il mais è un cereale molto ricco di antiossidanti che proteggono dai radicali liberi. Da parte loro, i fagioli sono ricchi di proteine e fibre come gli altri legumi. Sono una buona fonte di vitamine C, B1, B3 e B9 e forniscono ferro, potassio, calcio e magnesio.

Avena e soia

L‘avena è un cereale interessante. Infatti, ci sono innumerevoli benefici per la salute: anti-colesterolo e depurativo.  Questo cereale fornisce un gran numero di minerali (ferro, calcio, fosforo, magnesio, potassio e molti altri). Le sue fibre insolubili aiutano a regolare l’appetito e il transito. Gli isoflavoni che contiene hanno un’azione protettiva sulle nostre ossa e proteggono dall’osteoporosi. Ricca di proteine, la soia è posta al centro della dieta vegetariana.

Spremere un limone sull’ insalata o aggiungere agrumi come l’arancia o il pompelmo, aumenta l’assorbimento di ferro vegetale contenuto in questi alimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *