cosa rovina una relazione

Cosa rovina una relazione: dobbiamo davvero dirci tutto?

Potrebbe essere un problema che tocca tutte le coppie: dovremmo davvero dire tutto al nostro partner? Cosa rovina una relazione, la condivisione di dubbi e paure, i nostri segreti più intimi sono necessari affinché la coppia duri? Dovremmo coltivare un nostro giardino segreto?
Dire o non dire tutto, come rispondere a questo dilemma?

Cosa rovina una relazione: le aspettative personali

In quasi tutte le relazioni tra due persone, portiamo aspettative personali. Non solo l’amore entra in gioco, ma aspettative emotive, che si pensa debbano essere soddisfatte dall’altro.
Ciò a cui destiniamo il partner, gioca un ruolo importante nel rapporto di coppia.
Secondo gli psicologi, per alcuni, si baserà sulla fiducia, la libertà e il rispetto della propria individualità.

Per altri, il desiderio di diventare uno, “la classica metà che si ricompone”, vorrà dire. condividere tutto, fino a voler formare una sola intimità con l’altro.
Questo atteggiamento comporta non solo il farsi carico di: preoccupazioni, rabbia, e sogni ed errori, del nostro partner, ma anche delle sue infedeltà…
In tutto questo, il dubbio di potersi perdere è piuttosto forte.

Cosa rovina una relazione: il dire o il non dire?

Dobbiamo considerarci egoisti se mentiamo, o parlare coraggiosi e fiduciosi di non mandare in frantumi il nostro rapporto. Come si vive con questo “fardello”?

Di base sia che si parli o meno di infedeltà, sono le regole all’inizio della relazione e dal tipo di personalità che abbiamo a dettare le leggi del rapporto.

E spesso, sono regole non manifestate. Per questo all’inizio di una relazione, è importante comunicare le nostre aspettative nella coppia.
Far conoscere alla persona di fronte a noi, come reagiamo e conoscere allo stesso tempo, il suo modo di fare le cose, mette a riparo la coppia da possibili “fraintedimenti”.

Cosa rovina una relazione: lo struzzo

Esistono relazioni dove le coppie preferiscono sapere tutto anche se questo li ferisce. Altre relazioni desiderano restare nell’ignoranza, sentendosi più a proprio agio nella posizione di struzzo per andare avanti.

La condivisione totale si può ritenere una sfida possibile?

Alla base di ogni scelta possibile non esistono scelte giuste o sbagliate, ma l’assunzione di responsabilità è quello che realmente conta.

Cosa rovina una relazione: le maschere

La condivisione delle nostre ansie, che possono in parte formare il nostro giardino segreto, può essere difficile. Quando ci si mostra per quello che si è, senza maschere, si corre il rischio di non essere accettati, anche per le proprie debolezze. Siamo nudi di fronte all’altro.

Ma ogni relazione comprende necessariamente il sapere tutto dell’altro?
In effetti si potrebbe dire qualsiasi cosa, senza farlo completamente.
Un individuo, con la sua unicità, deve “esistere in una coppia“.
Le coppie son composte da tre parti: io, te e noi. Questo noi è in realtà solo una parte dei due partner.
Il desiderio di fusione e condivisione totale delle nostre emozioni e sentimenti appare in realtà, già nostri primi momenti di vita. Quando il doppio rapporto con nostra madre, era il desiderio di una felicità assoluta, rivelato in questo periodo.

Possiamo chiedere al nostro coniuge se è pronto ad ascoltare ciò che ci diremo l’un l’altro“, afferma uno psicoterapeuta francese. A seconda dell’individuo, potrebbe essere più facile parlare con una persona che conosci meno bene, che con il coniuge o un parente stretto.

Nello scegliere cosa dire o non dire, dovremmo considerare che avere un giardino segreto è “avere una connessione con il proprio figlio interiore” e un modo per rifocalizzarsi sulle proprie emozioni.

L’importante in coppia è non tanto dirsi tutto, al contrario, è costruire insieme, rivelarsi man mano che si va avanti e sapere che si può contare sull’altro.

Per essere felici come coppia, non conta il doversi raccontare tutto l’uno con l’altro, ma sapere che potremmo farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *